home

MASTER DI II LIVELLO
FORMAZIONE UNIVERSITARIA
MATERIALI PER LA RICERCA

dirittopenitenziarioecostituzione.it

Roma3

Notizie

MASTER IN «DIRITTO PENITENZIARIO E COSTITUZIONE» ED “EMERGENZA COVID” – RIUNIONE STRAORDINARIA DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

Si comunica, ai Sig.ri corsisti e ai Docenti del Master, che oggi, 20 aprile 2020, il Consiglio direttivo si è riunito, a seguito di straordinaria convocazione, per deliberare su talune modifiche dell’attività del Master resesi necessarie in conseguenza della pandemia di Covid-19 e delle misure restrittive adottate dalle autorità competenti al fine di impedire la diffusione incontrollata del Sars-CoV-2.

Tra le altre cose, è stato deciso quanto segue:

  1. per quanto riguarda la Direzione e la Segreteria didattico-scientifica del Master, tutte le attività si svolgeranno – sino alla riapertura dei locali del Dipartimento di Giurisprudenza al pubblico – in telelavoro. I Corsisti ed i Docenti potranno regolarmente rivolgersi alla segreteria del Master scrivendo all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

    Si ricorda, invece, che l’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. risponde unicamente alla Redazione del sito internet www.dirittopenitenziarioecostituzione.it e, pertanto, ad esso non devono essere indirizzate missive relative alla gestione, allo svolgimento o all’attività didattica del Master.

    Si segnala, infine, che per tutte le informazioni relative al versamento delle tasse e al perfezionamento dell'iscrizione per i corsisti che hanno conseguito la laurea nel mese di marzo, occorre rivolgersi direttamente all'ufficio di Ateneo Esami di Stato e Corsi Post Lauream al seguente indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;

  2. per quanto riguarda l’attività di didattica frontale “in presenza”, essa verrà svolta a distanza ed in tempo reale tramite la piattaforma Microsoft Teams, all’uopo messa a disposizione dei docenti e dei corsisti dall’Università degli Studi «Roma Tre». A tal riguardo, sono state apportate delle modifiche al calendario didattico, al fine di meglio adattare le attività del Master alle esigenze discendenti dalle nuove modalità di erogazione del corso. Le lezioni già inizialmente previste in teledidattica continueranno a svolgersi come di consueto;
  3. per quanto riguarda le attività di stage, le stesse potranno svolgersi nel mese di ottobre, con gli adattamenti necessari, soltanto qualora la situazione sanitaria e le determinazioni delle pubbliche autorità lo consentiranno. Ad ogni modo, sono state approntate alcune modifiche al calendario didattico che permetteranno di considerare acquisiti i richiesti crediti formativi anche in assenza dello svolgimento di predette attività;
  4. per quanto riguarda la discussione degli elaborati finali, se, per il periodo in cui essi dovranno svolgersi, sarà ancora vietata la presenza fisica di docenti e corsisti nei locali dell’Università, si procederà tramite video-conferenza, con modalità analoghe a quelle già previste dal Dipartimento di Giurisprudenza e dall’Ateneo per la discussione delle tesi di laurea e di dottorato;
  5. per quanto riguarda le programmate escursioni didattiche, le misure d’isolamento attualmente in vigore ne impediscono, ovviamente, lo svolgimento e sono state pertanto annullate e sostituite da nuove lezioni, inserite nel nuovo calendario didattico approvato. Tuttavia, considerati i disagi determinati dalla emergenza sanitaria, è stato deciso che i corsisti possano partecipare alle escursioni didattiche che saranno eventualmente programmate nella prossima edizione del Master;
  6. si è deciso, infine, che i corsisti possano partecipare a titolo gratuito, quali uditori, a uno o più moduli, svolti in presenza, nella prossima edizione del Master. In tali ipotesi, tuttavia, la frequenza non potrà essere considerata attività di lavoro ordinario come invece solitamente previsto per i dipendenti del DAP e del DGMC dalla Convenzione stipulata dal Master con la Scuola Superiore dell’Esecuzione Penale «Piersanti Mattarella» (art. 2, comma 1).

Pubblico ministero e riduzione della presenza carceraria durante la «emergenza coronavirus»: nota della Procura generale presso la Corte di Cassazione

In data 1° aprile 2020 la Procura generale della Corte di Cassazione ha diffuso una nota, a firma del Procuratore generale Giovanni Salvi ed indirizzata ai Procuratori generali presso le Corti d'appello, avente ad oggetto «pubblico ministero e riduzione della presenza carceraria durante l'emergenza coronavirus».

Nella nota si affronta, in modo particolare la «tematica delle opzioni che la legislazione vigente mette a disposizione del pubblico ministero per ridurre la presenza in carcere a causa della sottoposizione a misure cautelari o a pena detentiva, allo scopo di contribuire alla miglior prevenzione del rischio di contagio da coronavirus durante la fase emergenziale». A tal riguardo, ci sofferma soprattutto (ma non solo) sulle problematiche relative all'arresto e al fermo, alle misure cautelari, alla detenzione domiciliare ex art. 123 del d.l. n. 18 del 2020, all'affidamento in prova al servizio sociale ed all'ordine di esecuzione della pena detentiva. Lo scopo è quello di individuare, anche per il tramite di una ponderata attività ermeneutica, soluzioni che consentano di contemperare le diverse esigenze in gioco, conferendo un rilievo primario alla tutela della salute dei detenuti e degli operatori penitenziari.

Per leggere il testo completo della nota:

CLICCA QUI (pdf)

Il “rilascio immediato dei migranti” in una pronuncia della United States Distrct Court Southern District of New York

Pubblichiamo la pronuncia della United States District Court Southern District of New York del 27 marzo 2020 in ordine alla richiesta di rilascio immediato di alcuni detenuti migranti reclusi nell’“Immigration and Customs Enforcement” (ICE).

In considerazione del complesso quadro clinico (malattie cardiovascolari, diabete, patologie renali croniche etc.), che li collocano in categorie ad alto rischio rispetto al COVID-19, i richiedenti affermano di dover affrontare un rischio medico “straordinariamente grave” a causa della pandemia attualmente in corso. Il pericolo di un aggravarsi delle loro condizioni di salute sarebbe, dunque, amplificato dalla particolare condizione di “comorbilità” che li rende più esposti alle gravi conseguenze derivanti dal COVID-19 (vengono richiamati sul punto i dati forniti dall’esperienza cinese circa la maggiore incidenza del virus sulle persone già affette da precedenti patologie).

Leggi tutto...

Misure straordinarie per fronteggiare l’epidemia di COVID-19. La sospensione dell’esecuzione della pena in Nordreno-Vestfalia

Come annunciato dal Ministro Biesenbach, il Nordreno-Vestafalia assume un’iniziativa straordinaria, proponendo l’interruzione della espiazione della pena residua per i detenuti con condanne fino a diciotto mesi da scontare entro fine luglio. Esclusi dalla sospensione dell’esecuzione della pena i condannati per reati sessuali, per violenze gravi o in attesa di espulsione. L’applicazione del rinvio o della sospensione della pena è “consigliata” anche per i detenuti non in grado di pagare sanzioni pecuniarie.

Pur non risultando al momento casi di COVID-19 negli istituti del Land, il provvedimento intende “liberare” mille posti da destinare quali spazi per l’eventuale quarantena di detenuti che risultino positivi.

Non si tratta di un provvedimento clemenziale, né di uno sconto-Corona («Es gibt keinen Corona- Rabatt»), come afferma il Ministro Biesenbach, ma di una misura prudenziale per fronteggiare il rischio della diffusione del COVID-19 negli Istituti penitenziari.

Marco Ruotolo

Evitare tragedie future nelle carceri

Oggi, 29 marzo 2020, al termine dell’Angelus, Papa Francesco ha rivolto un pensiero "a tutte le persone che patiscono la vulnerabilità di essere costretti a vivere in gruppo”, con una speciale menzione per “le persone nelle carceri”. “Ho letto un appunto ufficiale della Commissione per i diritti umani – ha detto il Papa – che parla del problema delle carceri sovraffollate che potrebbero diventare una tragedia. Chiedo alle autorità di essere sensibili a questo grave problema e di prendere le misure necessarie per evitare tragedie future”.

Si tratta di un problema di dimensioni mondiali, sul quale si rinvia alle dichiarazioni dello scorso 25 marzo di Michelle Bachelet, United Nations High Commissioner for Human Right, nonché all’Interim Guidance COVID-19: Focus on Persons Deprived of Their Liberty (IASC, 27 Mar 2020).

Sull’elevato rischio di diffusione dell’epidemia negli Istituti di pena e negli altri luoghi di restrizione della libertà personale si pubblica qui il recente parere pro veritate della Dr.ssa Jaimie Meyer, Assistant Professor of Medicine at Yale School of Medicine and Assistant Clinical Professor of Nursing at Yale School of Nursing in New Haven, Connecticut.

Marco Ruotolo

Il “rilascio” dei detenuti per contenere il rischio di diffusione del COVID-19. Le indicazioni della giurisprudenza statunitense.

Pubblichiamo la pronuncia del 27 marzo 2020 della U.S. District Court - Eastern District of Michigan - Southern Division, che ha disposto il “rilascio temporaneo” (temporary release) di un detenuto sottoposto a carcerazione preventiva (custodia cautelare).

Il giudice argomenta sulla necessità dell’adozione della misura – con riesame entro quattro mesi – in ragione dell’esigenza di contenere il rischio della diffusione del COVID-19 all’interno degli Istituti penitenziari, attribuendo rilievo alle condizioni di salute del detenuto e alle difficoltà per quest’ultimo, in ragione delle limitazioni imposte alla disciplina dei colloqui con l’avvocato, di preparare un’adeguata difesa.

Il provvedimento si inserisce in un contesto giurisprudenziale più ampio (alcune decisioni di “revoca” della detenzione sono ivi citate), che tende a favorire l’applicazione di misure non carcerarie nei confronti delle persone ristrette (non solo in custodia cautelare), in nome della dichiarata necessità di realizzare un'azione rapida e preventiva per ridurre il rischio di infezione, malattia e decesso dei detenuti e degli operatori penitenziari.

Marco Ruotolo

Lezione conclusiva della VI edizione del Master

Il giorno 13 settembre 2019 si terrà, presso l’aula 6 del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi Roma Tre, la lezione conclusiva della VI edizione del Master tenuta dal Prof. Mauro Palma su “Le diverse forme di restrizione della libertà personale”. L’evento è aperto al pubblico. Per i non corsisti è necessario comunicare la presenza all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Vedi locandina

Vai alla sezione "Convegni"

31 maggio 2019 - Lectio su «Diritto penitenziario e Costituzione nell’ordinamento francese»

Si comunica che il giorno 31 maggio 2019 si terrà, presso la Sala del Consiglio del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi «Roma Tre», la Lectio del prof. Hubert Alcaraz dell’Université de Pau et des Pays de l’Adour sul tema «Diritto penitenziario e Costituzione nell’ordinamento francese».

L’evento, aperto al pubblico, è organizzato nell’ambito delle attività del Master in Diritto penitenziario e Costituzione.

 

Vedi locandina

Vai all’articolo

Giornata inaugurale della VI edizione del Master in Diritto penitenziario e Costituzione

Si comunica che il giorno venerdì 18 gennaio 2019, dalle ore 15.00 avrà luogo la Giornata inaugurale della VI edizione del Master in Diritto penitenziario e Costituzione dal titolo «Il sistema dell’esecuzione penale, oggi. Problemi interpretativi e applicativi». L'incontro si terrà presso la Sala del Consiglio del Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi «Roma Tre».

vai all'articolo

vedi la locandina

Altri articoli...

  1. Borse di studio INPS in favore dei dipendenti della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali
  2. Servizio Civile Progetto "Insieme": per il potenziamento della rete di giustizia di comunità
  3. Apertura della procedura di immatricolazione e proroga del termine per l'ammissione al Master
  4. Collana "Diritto penitenziario e Costituzione" - Sesta uscita “I diritti dei detenuti nel sistema costituzionale”, a cura di Marco Ruotolo e Silvia Talini
  5. 5-7 giugno 2017 - Incontro “Il sistema della giustizia nel mondo dell’informazione”
  6. Gruppo di ricerca interuniversitario sul tema “I diritti costituzionali e la qualità della vita nell’esecuzione penale”
  7. 15 marzo 2017 - Nuova presentazione libro "Giustizia e carceri secondo Papa Francesco"
  8. Collana "Diritto penitenziario e Costituzione" - Quinta uscita “La 'galera amministrativa' degli stranieri in Gran Bretagna”, di Mary Bosworth
  9. Nuova presentazione libro "Giustizia e carceri secondo Papa Francesco"
  10. Presentazione libro "Giustizia e carceri secondo Papa Francesco"
  11. Rapporto sulle carceri del Ministro francese - il principio dell'«encellulement individuel»
  12. Corte di giustizia dell'Unione Europea. Affum c. Préfet du Pas-de-Calais
  13. Conseil Constitutionnel, décision n. 2015-485 QPC
  14. Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. Kalda contro Russia
  15. Saggi Giovanni Rossi su giustizia riparativa nella direttiva 2012/29/UE
  16. Corte di Giustizia dell'Unione Europea. Delvigne contro Commune de Lesparre‑Médoc e Préfet de la Gironde
  17. Collana "Diritto penitenziario e costituzione" - Quarta uscita "Gli ergastolani senza scampo" a cura di C. Musumeci e A. Pugiotto
  18. Da oggi siamo anche su Facebook
  19. Avviso: proroga termine iscrizione al Master
  20. Risoluzione e Raccomandazione della Commissione permanente dell'APCE n. 2082 del 2015 su sorti dei detenuti gravemente malati

Calendario incontri

Questo sito utilizza cookies tecnici ed analytics propri e di altri siti per consentire una agevole fruizione dei contenuti del sito e  per raccogliere informazioni in forma aggregata a fini statistici. Proseguendo la navigazione si acconsente all’uso dei cookies. Se vuoi saperne di più sui cookies o sui metodi per cancellarli o bloccarli utilizzando le opzioni del tuo browser clicca qui.